CYBERSICUREZZA, M5S, AUTONOMIA DELLA LOMBARDIA E PROSSIME ELEZIONI ITALIANE

Se l’M5S non risolve con estrema urgenza la “pessima gestione della cybersicurezza” interna del M5S – come concordò Beppe Grillo nel post dello scorso 16 agosto – il Movimento sarà impossibilitato ad opporsi alla scellerata implementazione del voto elettronico in Lombardia per un “referendum” per l’autonomia del prossimo 22 ottobre, e ne fare la sua parte per proteggere le prossime elezioni nazionali italiane da cyberattacchi esteri e non.
 
Avendo svolto le proprie primarie per candidato premier solo online, con scrutinio in teoria secreto, con sistemi gravemente inadeguati e dimostratamente compromettibili, ed avendo convinto solo 80.000 dei propri iscritti a partecipare, l’M5S non potra infatti dire la loro per evitare che Maroni porti ad un voto per l’autonomia della Lombardia che sarà enormemente compromettibile, ed quindi fortemente contestato.
 
Riporta Repubblica di inizio settembre che si è dato in appalto ad una ditta USA famosissima per macchino di voto ridicolmente vulnerabili: 
“Dopo la sottoscrizione del contratto da 23 milioni di euro per l’acquisto di 24mila tablet, parte la ricerca di 7mila assistenti per il voto: la Regione Lombardia si pepara anche così al referendum per l’autonomia del prossimo 22 ottobre. Ad assumere i 7mila “digital assistant” sarà la Diebold Nixdorf, “una società internazionale leader mondiale in digital and tech solutions”, che avrebbe l’incarico in subappalto. Per farlo si è affidata alla società Manpower, che ha iniziato il recruiting prima di Ferragosto”
Basta andare su Google News “Diebolg voting hack”e trovare piena scelta di fonti primarie sull’enormi vulnerabilità di tali tencologie.  Diventa quindi sempre più urgente che il M5S avanzi con quanto proposi il 16 agosto sul commento che Grillo scelze di riportare integralemnte sul proprio blog, e quindi in qualche modo ha fatto suo:
“Segnare una svolta andando a promuovere un modificato programma di cybersecurity – sia per i sistemi interni che per i sistemi del paese – che siano davvero radicali e all’avanguardia mondiale, per restaurare la sovranità digitale dello stato, dei cittadini e degli iscritti al M5S.”
Eppure la via sarebbe semplice, puntare tutto su una Smart Nation 2.0 in cui la cybersicurezza diventa un fulcro per la protezione dei diritti civili e per lo sviluppo economico. Ma ciò presuppone una radicale, esplicita e condivisa critica alla gestione interna delle procedure di partecipazione online ed offline (assenti!) fino ad oggi. Il tempo stringe. 
This entry was posted in general, personal1, work1. Bookmark the permalink.